X

    Dicci qualcosa di te

    Parlaci del tuo progetto

    Hai già un terreno edificabile?

    SI
    NO

    Hai già un progetto?

    SI
    NO

    Hai altro da comunicarci?

    Andalo - TN

    Chalet Larix Residenziale

    Progetto architettonico: BosettiArch - arch. Fabrizio Bosetti e arch. Laura Gusmerotti

    Chalet Larix si tratta di una rilettura sincera e fedele ma anche fresca e moderna degli standard architettonici che caratterizzano la costruzione storica del “maso”. Il legno non poteva, dunque, che essere materiale centrale sia nel cuore che sulla pelle dell’edificio.

    Chalet Larix è una struttura che trova collocazione nella parte alta del paese di Andalo, rinomata località turistica in tutte le stagioni, e gode di una vista privilegiata sulle Dolomiti di Brenta poiché posizionata su un promontorio.

    Si è trattato di un intervento di demo ricostruzione. Le necessità della committenza consistevano nella creazione di una nuova struttura articolata in 10 appartamenti: un’unità abitativa principale, quale abitazione del committente stesso, insieme ad altre unità immobiliari di minor metratura, destinate all’affitto turistico. Era volontà esplicita che la struttura rispecchiasse appieno lo spirito della località montana, sia attraverso l’impiego di materiali della tradizione e sia mediante le scelte progettuali, pur mantenendo un approccio architettonico e stilistico contemporaneo nelle linee ed accattivante nelle soluzioni.

    Nella struttura è stato impiegato l’x-lam: le motivazioni sono connesse alla rapidità costruttiva, così come pure la centralità che il tema dell’impatto ambientale riveste per la committenza (l’edificio è appartiene alla classe energetica A+). La continuità con la tradizione è l’altro fattore chiave. Sempre in accordo con quest’ultima, il rivestimento in legno viene utilizzato anche per portare all’esterno della struttura, l’essenza della struttura stessa, in una sorta di metonimia architettonica: l’esterno per l’interno, l’involucro per il contenuto. Anche nei masi storici struttura e rivestimento combaciano, mentre oggi spesso anche negli edifici in legno, l’essenza lignea della struttura viene dissimulata attraverso un mascheramento operato da cappotto e finitura ad intonaco. Per giocare con una citazione celebre: “l’essenza” è resa invisibile agli occhi.

     

    info tecniche
    • LuogoAndalo - TN
    • Progetto architettonicoBosettiArch - arch. Fabrizio Bosetti e arch. Laura Gusmerotti
    • CommittentePrivato
    • Superficie700
    • Categoria edificiResidenziale
    descrizione tecnica

    La struttura lignea dei tre piani fuori terra è costituita da circa 240 m3 di legno. Come in tutti i progetti realizzati da ALPENOS, il legname da costruzione impiegato proviene interamente da foreste certificate FSC o PEFC.

    Le pareti perimetrali al piano terra sono poggiate su un cordolo in cemento armato solidale al solaio di dimensioni 14×35 cm e fissate ad esso mediante piastre in acciaio.

    I setti verticali hanno spessore 120 cm (3 strati) al piano terra e 100 cm (3 strati) al primo e secondo piano. I solai invece hanno spessore 200 cm – 5 strati e 7 strati.  Nella copertura abbiamo impiegato una doppia orditura di travi in legno lamellare su cui è posato un perlinato in abete, una pannellatura di OSB e il pacchetto termoisolante. Quest’ultimo è composto da uno schermo freno al vapore, da uno strato di lana di roccia di spessore 20 cm e da una membrana altamente traspirante.

    Terminano la copertura uno strato di ventilazione di spessore 6 cm e da un manto in lamiera aggraffata, posato su una guaina tridimensionale antirumore accoppiata ad un telo traspirante.

    I canali di scolo dell’acqua piovana sono incassati nello spessore del pacchetto, lasciando così scoperta la mantovana perimetrale in lamiera suddivisa in settori verticali con larghezze variabili.

    La superficie all’intradosso della gronda esterna è stata tamponata mediante perline in legno di larice evaporato, le stesse che costituiscono il rivestimento esterno ventilato applicato sul cappotto in lana di roccia e che rappresentano l’elemento caratteristico dell’intera costruzione.  Completano l’involucro i serramenti in legno – alluminio, la cui tonalità scura esterna crea un piacevole contrasto con le tonalità calde del larice.

    LA SFIDA

    nella costruzione di Chalet Larix la forte sinergia con il progettista architettonico, l’assoluta fiducia da parte della committenza nelle soluzioni da noi proposte e una territorialità fatta di artigiani che fanno parte del nostro network con continuità, ci hanno permesso di far lavorare il nostro processo realizzativo al suo meglio. Il nostro è un approccio ingegneristico che mira ad escludere i problemi prima che si presentino. Per questa ragione l’ufficio tecnico di Alpenos anticipa in fase di progettazione tutte le casistiche che possono poi originare rallentamenti in fase realizzativa. Proprio grazie a questa visione d’insieme, la struttura ha potuto aprire ai suoi ospiti a soli 6 mesi dalla posa del primo pannello.